Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA IGLESIAS (CA) 106.100

Negramaro, Sangiorgi e l'album Contatto: “Nato tra smart recording e chat” Hanno presentato il disco in una storica diretta streaming mai fatta prima 13-11-2020

Negramaro, Contatto avvenuto: Giuliano Sangiorgi presenta il nuovo album 2020 e le sue canzoni, tra cui il feat con Madame, in collegamento virtuale con Radio Italia e con gli occhiali da sole di Saturnino. Il disco, nato tra lo “smart recording” e la chat della band su WhatsApp, è stato presentato live con una diretta streaming storica, in questi tempi di lockdown ed emergenza. Ecco l'intervista con Mauro Marino.

Com'è andato questo “concerto” virtuale? “Credo che non fosse mai successo prima in Italia: una diretta streaming per presentare il disco nel modo più autentico possibile. Sulle pareti del 'cubo' attorno a noi, un non-posto, c'era il pubblico come se fosse un live vero e proprio, ci hanno seguito migliaia di persone”

Com'è nata la title-track?Ho scritto la canzone 'Contatto' un anno fa, volendo dare una nuova 'fisicità' a questa parola che significa tatto, pelle e molto altro. Poi la title-track del disco si è scelta da sé ed è diventata un sogno: in questo momento vorremmo tutti avere un contatto. Il contatto sarà per sempre 'La cura del tempo', come dice il titolo di un'altra traccia

Siete soddisfatti?Con il singolo siamo alla terza settimana al numero uno su EarOne. Mentre realizzavamo il disco quasi un anno fa, il bassista Ermanno che mi fa anche da psicanalista chiedeva come mai non avevamo la parola che potesse racchiudere tutto il progetto: durante il lockdown ho scritto nella chat di gruppo che il termine sotto gli occhi di tutti era proprio 'Contatto', che ora rappresenta anche il 'sogno' che tutti viviamo quotidianamente. È importante per tutti avere la consapevolezza che questo sogno a breve si realizzerà

La copertina del disco è un progetto 3D di Amin Farah in arte Theblacklab, un artista iraniano di 23 anni. “Sì, in questo album prendiamo delle piccole posizioni con piccole grandi canzoni, perché siamo consapevoli che arte e cultura possono dare un contributo importante alla vita, sono il cibo dell'anima: le persone che migrano, il Black Lives Matter, l'ambiente e i cambiamenti climatici... Tutto questo, come il battito di ali di farfalla sulla copertina, può muovere qualcosa

Com'è avvenuta la realizzazione dell'album, che avete anche presentato alla stampa ieri?In 'Smart recording' tra Milano, Roma, Lecce e Arezzo e anche un camper, in una specie di casa-mobile... nella chat di gruppo, durante questa brutta primavera, Ermanno ha riacceso di nuovo il sogno del disco che avevamo quasi dimenticato. C'è un omaggio a Lucio Dalla ne 'La terra di nessuno' e a fine disco a Ennio Morricone: abbiamo registrato con la sua orchestra e nel suo studio, è stata una grande gioia”.

L'unico duetto del disco è con Madame in “Non è vero niente”. “Sono dieci anni che non facevamo un feat. A parte Jovanotti, le nostre collaborazioni sono sempre state con quote rosa, da Elisa a Dolores O'Riordan (Cranberries). In questi anni nella musica in generale ci sono stati troppi duetti: è bello se nascono in modo spontaneo. A noi è sempre successo perché abbiamo vissuto momenti insieme ad artisti amici. Ora Madame ci ha acceso una grande voglia di cantare insieme, dopo aver sentito la sua Sciccherie: allora aveva solo 17 anni, ora ne ha appena 18. I grandi artisti come lei fanno arte, non devi pensare al genere musicale”

La canzone “Devi solo ballare” è dedicata a tua figlia Stella. “Le ho già dedicato dieci album, non ho voluto pubblicare cose un po' più profonde e rivolte all'evento straordinario della nascita di mia figlia. Il brano è dedicato anche agli altri figli dei componenti dei Negramaro. Nei confronti di Stella, come accade a tutti i papà, la mia preoccupazione più grande è la diffidenza nei confronti degli altri, a causa della mascherina e del distanziamento. Dobbiamo salvarci salvando l'altro, che è da sempre considerato il diverso. Non è possibile che i figli crescano con la paura delle altre persone: io voglio essere ancora un amante dell'umanità. Stiamo rischiando di perdere il senso di umanità: chi è in difficoltà è come noi”

L'editore Mario Volanti regala in diretta un amplificatore a Giuliano. “Se non sono ancora venuto in radio è colpa del lockdown. Quando gli abbiamo fatto ascoltare in anteprima l'album, ero affascinato dall'amplificatore: nel suo studio suoniamo sempre insieme. Quella volta, la sera, l'aveva già ordinato... Soprattutto per una band - noi siamo nati nel 2001 - non è mai scontato: nel 2005 voi ci avete portato al successo. Siete accanto a noi sempre, avete dato un'anima a questi sei ragazzi


Autore:
Francesco Carrubba
13-11-2020 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PHOTOGALLERY

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO