Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA SAN SEVERO (FG) 104.300

Diletta Leotta e Rula Jebreal al Festival di Sanremo 2020: i momenti clou Sono le protagoniste della prima sera con Amadeus, Fiorello, Tiziano Ferro 04-02-2020

Diletta Leotta e Rula Jebreal sono le protagoniste della prima sera del Festival di Sanremo 2020 al fianco di Amadeus. Sia la conduttrice sia la giornalista palestinese hanno sceso le scale del Teatro Ariston e hanno fatto con emozione il loro primo lancio di una delle 24 canzoni in gara alla kermesse. Poi hanno sorpreso il pubblico con alcuni momenti clou: da Amadinho alla nonna di Diletta, fino al monologo contro la violenza sulle donne con citazioni di Franco Battiato, Francesco De Gregori, Vasco Rossi, Ivano Fossati e Franca Rame.

Diletta Leotta hanno iniziato con un siparietto scherzoso al fianco di Amadeus mentre Rula Jebreal ha detto: “Sanremo è un posto carico di energie bellissime. Le scale più belle che ho sceso sono state quelle che ho fatto quando sono arrivata in Italia”. “Stasera parla la musica, un linguaggio che tutti noi comprendiamo”, ha continuato Rula, “La musica arriva al cuore delle persone. Stasera facciamo tutti un passo in avanti. Ed evitiamo di fare gaffe!”.

A un certo punto della serata, a sorpresa Diletta Leotta riprende i panni della giornalista sportiva, mette in scena un finto collegamento sportivo in cui paragona l'Ariston a uno stadio e definisce Amadeus come il campione della serata, soprannominandolo Amadinho come se fosse un fuoriclasse brasiliano.

Più tardi Diletta interpreta un monologo sulla bellezza e presenta a sorpresa sua nonna Elena, in platea all'Ariston a 85 anni. Il monologo successivo, ad opera di Rula Jebreal, nasce da un doppio leggio che sorregge da una parte il libro nero che racconta la realtà e la sofferenza e dall'altra il libro bianco, con le parole urgenti di cui vorremmo riempirci la vita.

La giornalista, attivista per i diritti delle donne, tiene un discorso contro violenze e femminicidi, citando anche "La cura" di Franco Battiato, "La donna cannone" di Francesco De Gregori, "Sally" di Vasco Rossi, "C'è tempo" di Ivano Fossati e l'esempio di Franca Rame. E' un momento molto emozionante: la figlia Miral Rivalta in platea non può trattenere le lacrime.


Autore:
Francesco Carrubba
04-02-2020 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PHOTOGALLERY

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO