Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA BIELLA (BI) 106.700

Raphael Gualazzi

BIOGRAFIA

Raphael Gualazzi nasce ad Urbino l'11 novembre 1981. Nel 2005 viene pubblicato Love Outside the Window, album di esordio prodotto da Gianni Daldello e Leo Rossano e distribuito da Edel Music, con il quale ottiene l'attenzione della critica ed una prima significativa presenza sui media. Dallo stesso anno partecipa a festival come il Fano Jazz, il Trasimeno Blues, il Java Festival di Giakarta e l'Argo Jazz, Ravello International Festival.

Dopo essere stato invitato ad esibirsi in Vermont e New Hampshire all'interno del progetto "The History & Mystery of Jazz", a settembre 2009 incontra Caterina Caselli, e firma con Sugar un contratto discografico. Giunto all'attenzione del grande pubblico grazie alla cover di Don't Stop, il celebre successo degli anni settanta della storica band Fleetwood Mac, nell’estate 2010 si esibisce all’Heineken Jammin Festival, al Pistoia Blues Festival e al Giffoni Film Festival per poi debuttare in settembre al Blue Note Milano dove presenta il suo primo omonimo ep digitale contenente 4 brani con il quale giunge alla vetta della classifica di iTunes.

Nel frattempo con il brano Reality and Fantasy nel remix di Gilles Peterson, conquista l’air play di alcuni network francesi e il primo dicembre debutta al Sun Side Club di Parigi, tempio della musica jazz, dove presenta il suo repertorio ai media europei. Presenta al Festival di Sanremo 2011 Follia d’amore scritto, prodotto e arrangiato dallo stesso Gualazzi. Contestualmente al Festival, il 16 febbraio, esce il suo nuovo album Reality and Fantasy, contenente il brano sanremese. Il 18 febbraio 2011, viene dichiarato vincitore della categoria Giovani, e viene anche scelto come rappresentante dell'Italia all'Eurovision Song Contest 2011. L'evento lo vede partecipare con una versione in italiano e inglese di Follia d'amore, intitolata Madness of Love; il brano gli vale il 2º posto in classifica nella manifestazione e la vittoria del premio della giuria tecnica, alle spalle solamente dei vincitori dell'Azerbaigian.

Il 13 dicembre 2012 viene confermata la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2013, con i brani Senza ritegno e Sai (ci basta un sogno). Nel gennaio 2013 viene annunciato il suo terzo album, Happy Mistake, pubblicato poi il 14 febbraio 2013.  Il 29 settembre 2013 presenta la nuova sigla del programma TV Che tempo che fa, il brano L'Amie d'un Italien (Rainbows)

Il 18 dicembre 2013 viene annunciata la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2014, insieme a The Bloody Beetroots, con i brani Liberi o no e Tanto ci sei. Il brano Liberi o no viene scelto come brano per la gara della kermesse e si piazza al secondo posto della gara musicale.

Photogallery correlate (3)

Video correlati (22)

Discografia Ho un piano

Ho un piano

  • E se domani
    2020
  • Italià
    2020
  • Carioca
    2020
  • Per noi
    2020
  • Immobile aurora
    2020
  • Questa volta no
    2020
  • Broken Bones
    2020
  • Vai via
    2020
  • Nah nah
    2020
  • La parodie
    2020
  • La libertà
    2020

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO