Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA VILLA SAN GIOVANNI (RC) 105.500

Le storie commoventi dopo il crollo del Ponte Morandi di Genova Anche nei momenti più bui, l’amore può trionfare 17-09-2018

E’ passato più di un mese dal tragico evento del crollo del ponte Morandi di Genova, e le persone colpite da questa disgrazia stanno cercando di ricostruire la loro vita, partendo proprio dall’amore.

E’ quello che hanno fatto Andrea Fortunato e Daniela Timoneri, residenti in via Porro, in piena zona rossa a Genova. I due innamorati, infatti, non si sono lasciati intimorire dalle circostanze e si sono uniti in matrimonio,  il 17 settembre, nel santuario di Oregina, sulle alture della città: "Ci sentiamo un simbolo perché la vita va avanti e speriamo che sia così anche per tutti gli altri sfollati e per i parenti delle vittime”, dicono prima di entrare in chiesa. “Un segnale che, comunque, bisogna andare avanti; nonostante le tragedie che hanno colpito la nostra città e tutti noi". La casa dei due neo sposi al momento è inagibile, ma per loro l’amore è più forte di quattro pareti: “Casa è essere insieme” commenta commossa la sposa.

La storia di Andrea e Daniela non è l’unica a riportare un po’ di luce nella tragedia del ponte Morandi. Esattamente un mese dopo il crollo, infatti, è nato il figlio di Gianluca, sopravvissuto al crollo per un vero miracolo. Il suo furgoncino era rimasto sospeso per 4 ore tra due piloni di cemento, a 20 metri da terra. Era stata la volontà di vedere quel figlio in arrivo a dare la forza a Gianluca di non mollare e, finalmente un mese dopo, quel sogno si è realizzato: si chiama Pietro ed è un bambino bellissimo.

Un’altra tenera storia è quella di Pasquale Ranieri, 86 anni, napoletano ex carpentiere specializzato, e Graziella Pistorio, 83 anni, catanese, casalinga. I due erano vicini di casa al civico 9 di via Porro e si conoscevano da tempo. Nonostante un futuro incerto, la nuova coppia ha ritrovato la forza e la serenità nell’affetto reciproco. Ora vivono nello stesso albergo, ma si sono promessi una vacanza non appena la situazione lo permetterà. 


17-09-2018 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO