Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA SANT'ANTIOCO (CA) 96.000

Tragedia di Corinaldo, Sfera Ebbasta: “Profondamente addolorato” Il commento di Ramazzotti, Antonacci, Mengoni, Jovanotti, Emma, Negramaro... 08-12-2018

Sfera Ebbasta manifesta la sua vicinanza a tutte le persone e le famiglie che sono rimaste coinvolte nella tragedia di questa notte (sabato 8 dicembre), nella discoteca di Corinaldo (Ancona) dove si sarebbe dovuto esibire il rapper. Stando alle prime ricostruzioni, uno spray urticante ha causato il panico, dando vita a un fuggi fuggi di massa in cui hanno perso la vita 6 persone (5 ragazzi e una mamma), con un centinaio di feriti. La vicenda colpisce tutto il mondo della musica: Eros Ramazzotti, Jovanotti, Biagio Antonacci, Cesare Cremonini, Marco Mengoni, Emma, Ermal Meta, i Negramaro, Benji & Fede e Le Vibrazioni sono solo alcuni degli artisti che si stringono attorno alle vittime.

Sono profondamente addolorato per quello che è successo a Corinaldo. È difficile trovare le parole giuste  per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie”, scrive Sfera Ebbasta, 26 anni compiuti proprio ieri, all'indomani della serata che avrebbe dovuto vederlo protagonista. “Vorrei che tutti quanti vi fermaste a pensare a quanto può essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in una discoteca”. Dopo i ringraziamenti a tutte le forze dell'ordine che hanno garantito un pronto intervento, il cantante aggiunge: “Per quanto a poco possa servire, il mio affetto e il mio sostegno vanno alle famiglie delle vittime e a quelle dei feriti”.

La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero”, dice in chiusura del suo messaggio. Nel rispetto di quanto accaduto, Sfera ha annunciato la decisione di annullare tutti i suoi impegni promozionali e tutti i firmacopie che erano in programma proprio in questi giorni.

La tragedia di Corinaldo scuote profondamente il mondo della musica. “I live devono essere solo felicità e divertimento. Questa notte si è consumata una tragedia che non deve più ripetersi”, commenta Eros Ramazzotti. “Il mio abbraccio e il mio pensiero vanno ai ragazzi che ora ci guardano da lassù, alle loro famiglie e a quelli che stanno ancora combattendo. Mai più Ancona”.

Cesare Cremonini, tra i primi a esprimersi sulla tragedia, ha twittato: “Vorrei non aver mai visto e non aver letto ciò che è successo questa mattina”.

Non si può morire così”, è il commento di Raf, mentre Biagio Antonacci ha detto che “il dolore merita rispetto, silenzio, ma soprattutto chiarezza”.

I Negramaro, invece, hanno parlato del loro “risveglio terribile”: “Ancona piange sei anime giovanissime perse in una notte di quella che doveva essere una festa. E morire per una 'festa' non rientra in un nessun genere musicale o idol generation che tenga. È solo una miserabile follia”, scrive la band capitanata da Giuliano Sangiorgi.

Emma e Chiara Galiazzo sono “senza parole”, mentre Jovanotti, così come Fiorella Mannoia, ha condiviso il suo “dolore immenso per i ragazzi di Ancona”.

Marco Mengoni lascerà spazio al silenzio sui social, in ricordo delle vittime della “folle tragedia” che si è consumata nella notte in provincia di Ancona.

Questo è il post di Ermal Meta, accompagnato dall'emoji di un cuore spezzato:

Anche Benji & Fede hanno dedicato il loro pensiero alle vittime di questa tragedia, definendo inaccettabile quello che è successo stanotte: “La sicurezza ai concerti è fondamentale e va sempre presa con la massima serietà“, ha commentato il duo.

Francesco Sarcina, voce de Le Vibrazioni, ha pubblicato un video in quanto artista, ma soprattutto padre, invitando alla riflessione e sottolineando come un concerto dovrebbe sempre essere un momento di unione, condivisione e aggregazione. Evidenziando le colpe del locale e di un “balordo“, infine, il cantante ha rivolto un pensiero ai genitori delle persone che hanno perso la vita nella discoteca.

Antonello Venditti, invece, ha scelto solo alcuni cuori neri per manifestare su Facebook il suo dolore.


Autore:
Andrea Basso
08-12-2018 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO