Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA LATINA (LT) 101.500

Max Pezzali, In questa città: “Io, mio figlio e l'incontro col cinghiale” Nuovo album nel 2020 e San Siro: “Farò di tutto per avere Mauro Repetto” 20-12-2019

Max Pezzali presenta a Radio Italia il suo ultimo singolo “In questa città”, da cui è nato anche “Roma Milano Remix” con Ketama126, e parla dei suoi due concerti allo Stadio San Siro di Milano: in quell'occasione probilmente sarà presente anche l'ex 883 Mauro Repetto.

In diretta con Mauro Marino e Manola Moslehi, Pezzali ricorda la sua prima volta a San Siro, in occasione della partita di calcio inaugurale di Italia 90, parla del suo rapporto con Roma e anticipa che nel 2020 uscirà il nuovo album. I due concerti a San Siro saranno anticipati da una data zero a Bibione il 2 luglio: noi di Radio Italia siamo radio ufficiale di tutti questi concerti.

Sei arrivato a riempire uno stadio, San Siro, e hai raddoppiato la data...Contro ogni pronostico mio personale, abbiamo dovuto raddoppiare San Siro perché in tre settimane abbiamo avuto il sold out e non volevamo escludere nessuno. Mai avrei pensato una roba del genere”.

Il tuo brano “In questa città” è piaciuto un sacco ai romani, tra l'altro è scritta da un non romano...Io volevo raccontare uno spaccato della mia quotidianità. Vivo una condizione di cittadino di due luoghi, Pavia e Roma. Ho vissuto a Roma e lì ci abita mio figlio quindi ogni 7-10 giorni vado giù. Ho sempre vissuto una dicotomia schizofrenica: prendo il trenino, sono carico, arrivo là e trovo l'inferno. Mi sono però reso conto che, nonostante la difficoltà e la fatica che Roma porta a chi ci vive, riesce a farsi amare. Per me è ritrovare qualcosa che mi ha affascinato. Quando stai per scoppiare, Roma è sempre lì a suggerirti qualcosa nell'orecchio che ti fa apprezzare quella cosa che ti ha fatto innamorare di lei. Io abito in un paesino appena fuori Pavia e, ad esempio, per fare il passaporto e la carta d'identità ci ho messo due ore, compreso parcheggio e cappuccino al bar. A Roma ci avrei messo 6-7 mesi”.

Nella canzone hai sdoganato lo “'sti cazzi”... Sì perché alla fine di tutto questo processo di fatica, l'unica via d'uscita è lo 'sti cazzi'. La romanità ti obbliga a capire che ci sono problemi che non si risolvono, quindi chissenefrega, è la valvola di sfogo ultima”.

In questa canzone hai ravvivato la passione per i punti cardinali, canti Roma nord, Roma sud, Roma ovest est”... Sì è un'autocitazione (della canzone Nord, Sud, Ovest, Est ndr). Roma è divisa in quadranti e c'è il centro in cui confluiscono tutte le zone. Quando dici che sei di Roma, un romano subito ti chiede 'Ma di Roma dove?' e se rispondi 'Di San Lorenzo' magari nemmeno ci è mai stato. L'ho un po' paragonata a Los Angeles, il suo limite sta nelle sue dimensioni”.

Sei molto attento ai particolari e ai dettagli, ad esempio, hai parlato di cinghiali. Abito vicino al Parco dell'Insugherata, un'enorme riserva naturale collegata con il Parco di Veio, e quindi i cinghiali arrivano da Viterbo e stanno nel giardino di casa. Io all'inizio avevo paura, non avevo mai avuto un incontro così ravvicinato. Poi ho visto che scodinzolano e che hanno occhi tristi rivolti verso il basso, e ho capito che non sono aggressivi, per lo meno, finora non lo sono stati. La prima volta che li ho visti eravamo io e mio figlio; stavamo tornando a casa, c'era buio e a un certo punto lui ha detto 'Cinghiale!' ed è volato via nel garage di vicini. Diciamo che per i bambini c'è la possibilità di vedere da vicino animali che stanno nella natura selvaggia”.

La prossima estate ci saranno due date a San Siro, il 10 e l'11 luglio, con Radio Italia come radio ufficiale...Ti racconto un aneddoto. Era il giugno 1990. C'è stato un mondiale di calcio in Italia, Italia 90, e la partita inaugurale si teneva allo Stadio Meazza di San Siro, che qualche mese prima aveva inaugurato il terzo anello e in quell'occasione lo mostrava al mondo. Io e Mauro Repetto siamo riusciti a trovare i biglietti per quella partita inaugurale, Argentina-Camerun, con Maradona. Contro ogni pronostico vinse il Camerun e tutto lo stadio neutrale divenne camerunense. I tifosi del Camerun si vedevano strappare gadget del Camerun perché tutti all'improvviso volevano qualcosa. Trent'anni fa entravamo in questo posto e ricordo lo stupore e la bellezza. Pensare di tornarci 30 anni dopo dal palco fa effetto”.

Ci andavi da tifoso, ora vai a cantare...Non so quale delle due cose provochi più ansia. Spesso quando vai a vedere una partita c'è un'ansia passiva”.

Oggi è uscito il remix di “In questa città”, che si chiama “Roma Milano Remix”... L'idea è divertente. Ci sono due punti di vista a confronto. Quello di uno di una piccola provincia del Nord e che va a Roma, che sarei io, e quello di un romano, Ketama, che arriva a Milano. È un confronto territoriale ma anche generazionale. Lui è un 28enne, canta e produce a modo proprio. Sono due mondi che apparentemente non dovrebbero stare insieme ma riescono a stare insieme”.

La copertina è stata modificata, si è aggiunto Ketama. Sia questa grafica, sia quella di “In questa città” sono state realizzate dal fumettista Zerocalcare... Lui è uno dei miei idoli, essendo io un appassionato di graphic novel. Lui è l'artista più grosso venuto fuori negli ultimi anni, riesce a fare un'instrospezione pazzesca nei suoi personaggi, spesso c'è l'elemento biografico. Ci siamo conosciuti un anno fa per un incontro letterario a Torino. A me sembrava di conoscerlo da una vita e a lui sembrava lo stesso. Da lì è nata amicizia e stima. Gli ho mandato il pezzo, lui l'ha rappresentato così, con la varia umanità che rappresenta Roma. Ci sono i ponti della tangenziale, il cinghiale. Ho anche citato il suo Cinghiale, quando canto 'Chissà se stasera incontro il mio amico cinghiale, che non è un soprannome è proprio l'animale'. Una delle coscienze critiche di Zerocalcare è Cinghiale”.

Ma Repetto lo vedremo a San Siro... Spero di sì. Faremo di tutto per averlo e per fare una cosa seria”.

E sul nuovo disco cosa ci dici?Ci sarà un album nuovo nel 2020. Poi sto lavorando anche adesso a idee nuove”.


Autore:
Chiara Cipolla
20-12-2019 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PHOTOGALLERY

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO