Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA GUIDONIA MONTECELIO (RM) 97.500

Max Pezzali, Welcome to Miami: “Vasco Rossi è come un supereroe” “Il nuovo album nel 2020. Sono nella parte divertente ma più complicata del lavoro” 04-07-2019

Max Pezzali porta un po' di America negli studi di Radio Italia con il suo nuovo singolo “Welcome to Miami (South Beach)”. Dai progetti futuri con l'uscita del nuovo album all'esperienza al concerto di Vasco Rossi, il cantante si racconta al nostro Marco Maccarini e spiega com'è la vacanza dell'italiano medio a Miami.

Come stai?
Sono molto contento e carico. Sto lavorando al disco nuovo, ogni tanto esco dalla 'cantina' e scopro il mondo.

Sei impegnato con la registrazione dell'album. Ma quando uscirà?
Nel 2020. Sono nella parte divertente ma più complicata del lavoro, cioè quando butti fuori tutte le idee. È come avere sulla scrivania 50 progetti e devi capire quale vale la pena finire.

Di solito vai a riprendere anche progetti e canzoni passate, che sono rimaste nel cassetto?
Ci sono quelli che chiamo mattoncini', che rimangono nell'hard disk del computer. Il problema è ricordare dove sono, come li ho salvati e con che nome: quando una canzone non è ancora canzone a tutti gli effetti, infatti, il file è è nominato in un modo che non ricordi.

Sei un tipo più caotico o strutturato?
Sono uno dei caotici che però temono il caos, uno di quelli che odiano il disordine ma preferiscono che gli altri mettano in ordine per loro perché non ci riescono. A un certo punto, quindi, perdo le cose: o si risolve tutto, o passo ad altro.

Poi è arrivato questo singolo, “Welcome to Miami (South Beach)”.
Sì, è ispirato al pezzo di Will Smith. In sostanza ero chiuso nella mia cantina-studio, stava arrivando l'estate ed erano partiti tutti i tormentoni classici di ispirazione sudamericana. Io non sono un amante della musica latinoamericana, ma l'ho sempre associata a quando andavo in vacanza a Miami. Quindi ho pensato che era bello renderla la colonna sonora dell'esperienza dell'italiano medio a Miami, che si trova a scontrarsi con dinamiche da turista, pur volendo vivere il sogno dei Tropici. A Miami, dopo minimo 10 ore di aereo, fila e auto-noleggi, arrivi in città e trovi tutto il mondo dei tipici tamarri. Hanno l'abitudine di accelerare da fermi: è una cosa che mi infastidisce tantissimo. Lì l'obiettivo è solo farsi notare.


Alla fine parli anche un po' di spagnolo...
A Miami oltre il 70% delle persone è latino, il 20% afroamericano e solo il 10% caucasico. Quindi l'idioma più parlato è questo misto di inglese, spagnolo e sudamericano. Ognuno porta un po' di tamarraggine.

Come si comportano l'italiano a Miami?
Noi italiani siamo messi bene. C'è un fiorire di attività legate alla ristorazione. Poi però c'è anche l'italiano che fa il tamarro.

Staio scrivendo altre canzoni con lo stesso ritmo?
No, sto lavorando ad altri generi.

Ti abbiamo visto al concerto “fantasmagorico” di Vasco Rossi...
Sì, ero già stato all'ultima tournée: sono un habitué di Vasco a San Siro. Ma questa volta mi ha dato una botta di energia devastante.

Secondo te cos'ha Vasco di così potente per arrivare a quelle vette?
Credo che in lui coesistano due caratteristiche: riesce a creare empatia, perché ti fa sentire rappresentato da lui; però lo vedi anche come rockstar. Quindi è la parte che tu vorresti essere, è la parte più potente di te. È come un supereroe che, quando non ha il costume, è come te.

 

Tu, sul palco, ti senti supereroe?
Sul palco, per metà dei concerti, voglio evitare che succeda qualche casino. Poi mi rilasso. Essendo un nerd, conosco le insidie della tecnologia e so che, quando meno te l'aspetti, ti si rivolta contro. Tutto può succedere, quindi vivo un po' il concerto con l'ansia. Poi in realtà mi godo il pubblico e, quando vedo che tutto funziona, mi lascio andare: per te che sei sopra, lo spettacolo è il pubblico e quello che c'è davanti a te. Poi ci sono alcuni episodi divertenti: ad esempio, quando ci sono amici o familiari tra le prime file, stai attento se loro sbagliano le parole e quindi rischiano di farti andare fuori tempo. È importante restare concentrati e non guardare, rischi di farti ipnotizzare.

C'è un viaggio che non hai ancora fatto e che vorresti fare?
Mi piacerebbe vedere l'Alaska, fare quel tipo di esperienza: partire dal Canada o dagli stati nord-occidentali degli Stati Uniti e salire fino all'Alaska.

Autore:
Andrea Basso
04-07-2019 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO