Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA VENAFRO (IS) 90.800

Luca Carboni: “Un trio con Jovanotti e Cremonini? Mai dire mai” “In estate in mezzo al mare dell'Isola d'Elba penserò anche al tour” 11-06-2018

Luca Carboni presenta a Radio Italia solomusicaitaliana il suo nuovo albumSputnik”: dal nome del disco all'artwork, dall'indie al tormentone “Una grande festa”, fino agli appuntamenti instore e al tour, l'artista si racconta a Mauro e Manola e parla anche del trio “BO-ROM-BO” con Lorenzo Jovanotti e Cesare Cremonini.

Benvenuto Luca, come va?Bene dai. È appena uscito questo nuovo lavoro e quindi per me è un bel momento, è 'una grande festa'”.

Perché hai scelto di chiamare il tuo nuovo album “Sputnik”? Una cosa che faccio raramente è dare il titolo all'album partendo da quello di una canzone, anche se è capitato ogni tanto. C'è una canzone nell'album che si chiama 'Sputnik': è una parola che mi piace molto, mi ricorda il punk e la new age degli anni 80. E poi è il primo satellite mandato nello spazio nel 1957 dai sovietici, contro gli americani. Questo evento ha inaugurato l'era che stiamo vivendo”.

 

Hai curato personalmente l'artwork del disco, che richiama la propaganda sovietica degli anni 50/60... In quegli anni c'è stata molta propaganda su queste imprese, sono state celebrate con mezzi di comunicazioni di allora, come manifesti e francobolli. Mi sono ispirato a queste immagini e le ho rifatte con pennarelli. Non è farina del mio sacco, sono immagini famose che ho rivisitato mettendomi al posto degli astronauti”.

Sputnik” è musicalmente diverso rispetto ai tuoi lavori precedenti... “Pop-up era già elettropop, ma con molti strumenti. Ora ho voluto fare un esperimento, ho provato a essere ancora più avanti, più rigido e usare solo programmazione”

Ti avvicini all'indie pop dei giorni nostri... Credo di seguire la mia strada. Forse c'è un punto di contatto con quello che ho fatto, sia negli anni 80 e negli anni 90. Non a caso ci sono tre artisti di questa nuova in questo album, Calcutta, Gazzelle e Giorgio Poi. Due vivono a Bologna e ci si con loro ci si incontra per chiacchierare e prendere un caffè. Mi piaceva fosse progetto aperto alla condivisione di scrittura”.

Una grande festa” è diventato subito un tormentone estivo grazie a quel “Oh, Oh, Oh. Com'è nato quel pezzetto della canzone?Voglio ringraziare gli autori Federica Camba, Daniele Coro e Valerio Carboni. Abbiamo giocato su questo 'Oh Oh Oh', che arriva molto ai bambini, lo ricordano. É una canzone che nasce per essere un gioco ironico, citando il tormentone estivo ma cercando di mettere alla prova tormentone pop con menti più shockanti, come sfiga e sofferenza”.

È più facile adesso fare pop rispetto a vent'anni fa? Non è mai stato facile. Per me il pop è attitudine di arrivare alla gente, non è tanto un genere musicale. Come dice Lorenzo (Jovanotti ndr) è cercare di fare canzoni, non tanto belle, ma che abbiano forza di arrivare alla gente”.

Se dovessi lanciare un tuo brano (anche del passato) in orbita, quale sceglieresti e perché?È difficile, non si tratta per forza di uno dei singoli, che amo molto perché hanno segnato la mia vita”.

A proposito di Lorenzo che hai citato prima, cosa ci dici del trio BO-ROM-BO. Prima o poi farete davvero qualcosa insieme tu, Jovanotti e Cremonini?È un gioco ironico. Lorenzo una volta ci ha coinvolto all'Arena, poi ci siamo ritrovati a Bologna, così è nata l'idea di una band. Mai dire mai. Il mio sogno è quello di condividere insieme ad altri il palco, oltre che la scrittura. A differenza di Lorenzo che faceva il dj, io nasco con una band e sono abituato a condividere. La condivisione arricchisce: tu inizi con un'idea a cui si somma quella di un altro musicista e poi si crea lo spunto per qualcos'altro. Quasi sempre musica importante nasce da un lavoro di gruppo

Un altro elemento naturale a cui sei molto legato è il mare. Quest'estate ti vedremo come sempre in barca all'Elba? Non farò il tour perché partirà a ottobre quindi sicuramente qualche giretto in barca all'isola d'Elba lo farò. Non ho uno yacht, ho un gozzo, mi piace stare al largo. Ho sempre visto il mare come qualcosa che ti ricarica per la sua dimensione spirituale, non per la vita da spiaggia e di divertimento. Anche il titolo 'Pop-Up' arrivò in mezzo al mare”.

Ora ci sono gli appuntamenti instore...Stiamo girando l'Italia, stiamo incontrando la gente. Domani saremo a Parma alle 18, se uno arriva un po' più tardi non è un problema perché gli incontri si protaggono per un po'. Dopodomani sarò a Brescia. Ieri invece c'è stato un bell'incontro a Bologna. Tra l'altro gli instore stanno facendo impazzire la gente. Al posto della solita intervista, si parte con un dj set con 34 anni di musica miei mixati in 25 minuti. È una cosa bella che porta pathos e che prepara all'ascolto del nuovo disco”.

Torniamo a “Sputnik”. In questo album ci sono nove inediti... È la misura dei vinili, dei miei primi dischi. Col cd sono aumentati i pezzi. Ora che i cd stanno tramontando e si sta imponendo il digitale, ognuno sceglie la sua durata”.

Abbiamo ascoltato “Amore digitale”...È una canzone un po' ironica. L'amore probabilmente non è cambiato come sentimento dal 700 ad oggi ma ora ci sono strumenti che lo velocizzano. Prima si diceva 'lontano dagli occhi lontano dal cuore', ora è impossibile. In realtà con questa velocità siamo sempre a distanza...”.

Il tour partirà il 12 ottobre, giorno del tuo compleanno... Partiremo dal locale storico dalle mie parti, il Vox di Nonantola, poi proseguiremo per tutta l'Italia. È un tour simile a quello che ho già fatto con Pop-Up. Partendo dallo spazio e dall'aspetto futurista, cercheremo di portare gioco sia musicale sia visivo sul quale lavorerò molto quando sarò all'Isola d'Elba”.

Tu hai un figlio di 19 anni, cosa ascolta?Non lo so perché non me lo dice. Penso ascolti molto le colonne sonore e la musica classica”.


Autore:
Chiara Cipolla
11-06-2018 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO