Menu
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA MARINO (RM) 105.600

Giorgia, Oronero Live: “Marco Mengoni con me in tour? Sarebbe bellissimo” “È molto cavaliere, è un signore e che talento! Abbiamo riso un sacco” 19-01-2018

Oronero Live” di Giorgia contiene il meglio di “Oronero Tour” e il singolo “Come neve” con Marco Mengoni: “È un signore, averlo in tour sarebbe bellissimo”. L’altro inedito è “Chiamami tu”, firmato Bianco. La cantante presenta l’album instore a Milano e a Roma ma prima racconta il disco, il duetto, la scaletta della tournée, “l’istinto” dello stage diving e i suoi primi vinili in diretta contemporanea su Radio Italia, Radio Italia Tv, radioitalia.it e sui social.

Di ottimo umore, entra nel nostro Auditorium gremito di fan “con i capelli non stirati, però dopo un’ora di trucco”, ride e scherza con Paola “Funky” Gallo: si ricrea così il duo “P&G”.

Quest’album, uscito oggi venerdì 19 gennaio, è un’opera. Una domanda dagli ascoltatori: qual è il verso del brano Oronero che ti racconta meglio? “È facile. ‘Tu sei come me, so che rimarrai al mio fianco’: mi commuove sempre, fin dal momento in cui Emanuel Lo (suo compagno e collaboratore, ndr) mi ha fatto sentire la canzone. Potevo anche scegliere ‘Uno stronzo senza fine che si perde sotto le prime luci di aprile’ ma quello ormai è passato, lasciamo che si perda…”

Il duetto di Giorgia e Mengoni era “il sogno erotico musicale” di molti italiani: com’è nato il vostro incontro in “Come neve”? “Marco è molto cavaliere, è un signore, nonostante la sua giovane età. Poi ha questo talento incredibile… e abbiamo riso un sacco. È anche meticoloso e perfezionista: finché le cose non sono fatte in un certo modo non si esce, mi è piaciuta la cura che ha messo nella nostra produzione. Era un po’ che ci sfioravamo: gli abbiamo fatto sentire il brano e gli è piaciuto. Poi è passato del tempo, a un certo punto gli ho detto: Marco, fra un po’ mi dovrai spingere sulla carrozzella se aspettiamo ancora… La canzone è una cosa nostra, l’abbiamo condivisa al 100%”

Sarà sul palco con te nel tour che parte dal PalaLottomatica di Roma il 2 e 3 marzo? “Chiediamo insieme a Marco se verrà a qualche concerto… è ancora tutto in costruzione, sono molto rispettosa dei tempi di tutti, soprattutto quando collaboro, però sarebbe bellissimo…”

Hai mai pensato di fare stage diving, tuffandoti dal palco sui fan? “Spesso ho avuto l’istinto di buttarmi sul pubblico ma se poi non mi prendono? C’è stato un cantante di recente che non è stato preso: che brutto pubblico che ha! In questa tournée mi dovreste prendere per forza perché avremo un palcoscenico a 360 gradi per cui saremo vicinissimi…”

La scaletta è pronta? “Non l’ho fatta: tutte le sere ho l’angoscia, perché sono in ritardo. C’è un momento in cui la scaletta arriva: per ora raduno spunti e suggerimenti… Le canzoni irrinunciabili ci sono già e cominciano a essere tante. Aspetto l’ispirazione che mi faccia fare un ordine di brani divertente e carino. Poi devo considerare che ormai i miei musicisti hanno un’età: dopo quattro pezzi veloci e ritmati, ci vuole una ballata, un lento! Vado a vedere mio papà quando suona in un club di Roma: fa ancora 6-7 brani tiratissimi di fila…”

L’ultima tournée è particolarmente riuscita. “C’era uno stato di grazia regalato dal cosmo, c’era molta armonia con i musicisti, il pubblico sempre caloroso, ogni concerto è stato splendido e la scaletta era venuta benissimo”

Il secondo inedito di “Oronero Live” è “Chiamami tu”. “Ha ironia e leggerezza, con un testo molto femminile scritto da un uomo, il cantautore Bianco. C’è un verso che mi piace molto: ‘Resta… l’eco delle mie speranze e dei tuoi difetti’… potrei averlo scritto io”

L’album è disponibile nei formati CD dal vivo, Deluxe e doppio vinile. Qual è stato il tuo primo vinile? “In casa ne avevo di fighissimi grazie a mamma e papà. I primi che ho comprato sono stati Dianne Reeves e Patti Austin: avevo un negozietto bellissimo vicino all’università, costavano già poco. Date i vinili ai vostri figli perché può darsi che un giorno, anche i miei, prendano valore…”


Autore:
Francesco Carrubba
19-01-2018 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PHOTOGALLERY

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO