Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA LATISANA (UD) 101.900

È morto Diego Armando Maradona: l’ultimo saluto della musica italiana Da Gigi D'Alessio a Eros Ramazzotti, l'omaggio social degli artisti al Pibe de Oro 25-11-2020

La notizia è una di quelle che gli amanti dello sport non vorrebbero mai sentire: Diego Armando Maradona è morto oggi (mercoledì 25 novembre), all'età di 60 anni, nella sua casa a Tigre. A stroncare l’ex campione argentino, sarebbe stato un arresto cardio-circolatorio: lo riportano alcune fonti d’informazioni argentine, ma il triste annuncio ha già fatto il giro del mondo. La notizia, ovviamente, ha scosso anche il mondo della musica italiana.

Gigi D’Alessio, napoletano doc, ha condiviso immediatamente una fotografia insieme a Diego: “Ancora non riesco a crederci... Sei stato il più grande di tutti”, ha scritto. “Quello che hai significato per Napoli, per tutti noi, non si può spiegare, e rimarrà per sempre. Ho avuto il privilegio di esserti amico, ed è una cosa che non dimenticherò mai. Maradona è leggenda, Maradona è per sempre. Viva Maradona!”.

Tra i primi a commentare, c’è stato anche Stash dei The Kolors: il cantante è originario di Napoli, proprio la città che è stata la casa di Maradona dal 1984 al 1991. “Ciao Diego... Non si può spiegare cosa rappresenti per noi... Questa foto mi ricorda quanta emozione provavo in quel momento... ricordo perfettamente tutti i dettagli... ricordo che dopo quella cena siamo dovuti rimanere una mezz’ora in macchina nel parcheggio io e i ragazzi perché nessuno di noi riusciva a guidare per l’emozione che ci faceva tremare”, ha scritto condividendo una fotografia della band insieme a El Pibe de Oro al Teatro San Carlo. “Buon viaggio Diego, Resterai per sempre une dei miei artisti preferiti!”, ha concluso. Stash è tifoso del Napoli, con cui Diego Armando Maradona conquistò diversi trofei tra cui due storici scudetti.

Eros Ramazzotti, altro grande appassionato di calcio, ha detto in spagnolo: “Addio fratello, nessuno come te”. Anche lui ha ripreso un vecchio scatto insieme a Maradona.

Ha fatto lo stesso Enrico Ruggeri, ricordando: “Quando ci incontravamo ero un bambino che guardava quegli occhi buoni e luminosi e ascoltava storie. Una vita meravigliosa e terribile. Ha dato lustro e dignità alla sua Napoli”.

Biagio Antonacci, invece, ha ripreso un’immagine di Maradona al fianco del suo papà Paolo, scomparso nel 2014: “Addio Diego”, ha commentato a corredo. “Se incontri Paolo sicuramente sarà ancora più felice di essere dov’è”.

Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, attraverso una storia su Instagram, ha salutato l’ex fuoriclasse semplicemente dicendo “Ciao Diego” e ricordando il numero 10 che Maradona portava anche sulla maglia dell’Argentina: nel 1986, in Messico, condusse proprio la sua Nazionale alla vittoria della Coppa del Mondo.

Ciao Diego”, è la frase scelta anche da Vasco Rossi per dare inizio al suo messaggio di addio all’ex Campione del Mondo. Il rocker ha parlato di Diego Armando come un “mito indiscusso, incantatore di palloni, impareggiabile e indomabile”.

Gianna Nannini si è rivolta direttamente a Maradona, scrivendo sul suo account Instagram: “Ci sono giocatori e giocatori, ma tu Diego sei una divinità del calcio, un essere umano che ha regalato emozioni a noi tutti come nessuno mai prima, e penso mai nessuno più dopo di te. Ti ringrazio del tuo cuore puro che ho sentito battere col mio. Un abbraccio che non mi si stacca più”.

Questo, invece, il pensiero di Fiorella Mannoia: “Se n'è andato il più grande, il più discusso e il più amato giocatore di tutti i tempi. Ora riposa in pace Dieguito”.

Un altro napoletano, Edoardo Bennato, ha affidato il suo ricordo di Maradona ai social network: “Diego ha sempre giocato al calcio per divertirsi. Si considerava fortunato, privilegiato e sempre in debito con tutti, e istintivamente era portato a difendere i più deboli”, ha detto su Instagram. “Una volta in un ristorante a Roma lo vidi allontanarsi... lo ritrovai nelle cucine che distribuiva biglietti da cinquatamila lire ai cuochi e ai lavapiatti”.

Loredana Bertè ha definito l’ex numero 10 argentino un “uomo dal talento ultraterreno”: “È stato un onore conoscerti ed un privilegio cantare per te e tutta la squadra del Napoli per festeggiare lo scudetto del 1986, una serata indimenticabile. Resterà per sempre con me anche il ricordo delle risate che ci siamo fatti insieme a casa mia a Milano giocando a calcio balilla”, ha scritto. “Buon viaggio Diego, ed un abbraccio immenso a tutta la tua Napoli e a tutti gli amanti del calcio...quello vero”. Il messaggio accompagna l’immagine di un bacio affettuoso tra i due.

In tanti artisti stanno pubblicando sui loro profili le vecchie foto di Diego Armando Maradona con la maglia del Napoli e dell’Argentina: da Luca Carboni a Gianluca Grignani, da Samuele Bersani a Levante, che ha postato l’emoji di un cuore spezzato, fino a Raf.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Raf (@rafriefoli)

Un pensiero per la leggenda argentina è arrivato anche da Anna Tatangelo, Guè Pequeno, Fred De Palma e Rocco Hunt, che ha scritto: “Le leggende non muoiono mai”.

Infine Baby K, sui social, ha commentato: “Rest in power campione”.


Autore:
Andrea Basso
25-11-2020 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO