Menu
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA TORTOLI' (NU) 106.500

Fabrizio Moro: “Portami Via è dedicata a mia figlia di 3 anni” Ha parlato delle emozioni che prova sul palco 07-02-2017

Oggi, martedì 7 febbraio, Fabrizio Moro ci ha raggiunti al “Fuori Sanremo by Lancome” e ha parlato con Mario Volanti di “Portami via”, in brano in gara al Festival, delle emozioni che regalano le prove e l'esibizione vera e propria e di “Pensa”, con cui l'artista ha vinto Sanremo nel 2007.

Ormai Sanremo lo conosci bene e sei preparato...

Si ma ora non è un problema, il problema è che l'ansia si sviluppa prima di salire sul palco. Cinque minuti prima rivedi il passato. È un momento intenso, però se non ci fossero quelle sensazioni saresti vuoto sul palcoscenico”.

“Portami via” è una canzone intensa. Come nasce?

Sono versi scritti pensando a mia figlia che ora ha 3 anni. Lei è l'essere umano che più mi ha aiutato, ovviamente involontariamente, a uscire da momento un momento negativo della mia vita. È una canzone d'amore e l'amore ci salva ogni volta da ogni disagio. Anche se sembra una frase retorica è vera”.

Stasera canterai l'amore quindi.. Questa canzone è molto bella e ti appartiene anche come interpretazione...

È un bellissimo complimento che mi fai. Strada facendo ho cercato il mio indirizzo musicale. Spero di esserci riuscito e sono fiducioso. Ho fatto tutto quello che potevo”.

Hai fatto le prove e ti sei preparato per stasera?

Non sono un artista che si prepara, vado sull'istinto. Dipende dall'alchimia del momento. Mi faccio condizionare molto dal pubblico: mi affaccio sempre prima di salire sul palco, ma poi mi concentro su quello che sto dicendo e guardo un punto fisso”.

Le prove sono delle cose, le esibizione sono un'altra, perché hai di fronte persone diverse...

Non ci devi pensare alle persone per cui stai cantando. Però la cosa che fa più paura, al di là degli spettatori, è che tu effettivamente in quel momento stai scrivendo un pezzo di storia che non tornerà mai indietro. È una prova e via, una diretta”.

Torniamo a “Pensa”, brano con cui hai vinto il Sanremo e con cui hai avuto il coraggio di parlare all'Ariston di un tema diverso dall'amore. Hai portato un messaggio fortissimo. Era 10 anni fa ma questa canzone potrebbe essere riferita ad altre situazioni di oggi.

Ne sembrano passati 50 di anni. Ci sono state tante cose ma purtroppo è ancora attuale come brano”.


07-02-2017 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO