Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA CASTELFRANCO VENETO (TV) 103.700

RADIO ITALIA LIVE, Fabrizio Moro: “Allo Stadio Olimpico con i miei figli” “Non riesco mai a finire il mio romanzo. L’uscita è slittata per Sanremo” 29-03-2018

Fabrizio Moro è protagonista di RADIO ITALIA LIVE con la sua nuova raccolta “Parole, rumori e anni”. Il Festival di Sanremo, l'Eurovision con Ermal Meta, il concerto allo Stadio Olimpico nella sua Roma, i sogni e i figli: l'artista si racconta #atupertu con la redazione di Radio Italia, in occasione della puntata di RADIO ITALIA LIVE in onda questa sera (29 marzo) alle 21.10 su Radio Italia, Radio Italia Tv e radioitalia.it. Qui sotto potete vedere la video-intervista integrale.


PAROLE, RUMORI E ANNI. Durante il Festival di Sanremo, dove ha trionfato in coppia con Ermal Meta con il brano “Non mi avete fatto niente”, Fabrizio Moro ha pubblicato “Parole, rumori e anni”, il nuovo album che raccoglie alcuni dei suoi più grandi successi realizzati in 11 anni di carriera e due inediti. A proposito del titolo del disco, l'artista ci ha svelato qual è la parola che usa più spesso nelle canzoni, qual è il rumore che gli piace di più e quello che gli dà più fastidio e qual è l'anno a cui è più legato. “La parola che uso più spesso è vita, me l'hanno fatto notare i miei fan. Anche pane e vino (ride ndr). Il rumore che mi piace di più sicuramente è quello dei miei figli che giocano nell'altra stanza, mentre quello che mi dà fastidio è il tagliaerba alla mattina. L'anno a cui sono più legato è il 1990 perché ho conosciuto i miei più grandi amici”. Intanto l'artista ha aggiunto due nuovi appuntamenti instore: il 13 aprile sarà a Taranto e il 14 a Cosenza.

EUROVISION. Con “Non mi avete fatto niente”, a maggio Fabrizio ed Ermal rappresenteranno l'Italia all'Eurovision Song Contest, che quest'anno si terrà a Lisbona, in Portogallo. "Cercherò di portare tutta la forza che io ed Ermal ci abbiamo messo nell'interpretare a Sanremo questa canzone e questo messaggio. Cerchiamo di farlo con altrettanta convinzione”, ha detto Moro

OLIMPICO. Il 16 giugno, nell'agenda di Fabrizio ci sarà un altro appuntamento importante: si esibirà per la prima volta allo Stadio Olimpico di Roma. Per l'artista, è il sogno di una vita che si realizza. Ci sono altri sogni? “Sicuramente se non avessi più sogni a 42 anni, quasi 43, sarebbe finita. Ci sono tanti altri sogni nel cassetto, spero di realizzarli piano piano durante il percorso che mi aspetta in futuro. Oddio, non troppo piano perché sto invecchiando”. E a proposito del romanzo che ha scritto ci dice: “Sto facendo una bruttissima figura perché ogni anno puntualmente non riesco a finirlo. La verità è che poi succede sempre qualcosa. Per esempio quest'anno, che era l'anno di uscita, c'è stato Sanremo che non era preventivato e quindi è slittato tutto”.

FIGLI. Sul palco del Teatro Ariston, Moro ha dedicato la vittoria a suo figlio Libero. Lui e la figlia Anita saranno all'Olimpico a guardare il papà? “Sì, assolutamente sì. Poi mio figlio Libero ha iniziato da qualche anno a giocare a pallone. Adesso ha 8 anni, quasi 9, e il calcio è il suo sport del cuore. Già mi ha chiesto: 'Papà vengo anch'io il pomeriggio, non per vedere te ma per giocare sul manto d'erba'”.

Durante RADIO ITALIA LIVE, condotto da Manola Moslehi e Mirko Mengozzi dal Verti Music Place, Fabrizio Moro intonerà alcuni dei suoi più grandi successi, tra i quali “Pensa”, “Libero” e “Alessandrà sarà sempre più bella”.

Autore:
Chiara Cipolla
29-03-2018 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO