Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA VENOSA (PZ) 107.800

Festival di Sanremo: il racconto della serata finale Ospiti Eros Ramazzotti con Luis Fonsi ed Elisa 09-02-2019

Per l’ultima serata del Festival di Sanremo 2019, condotto da Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele, si esibiranno tutti i 24 artisti in gara: alla fine, verrà decretato il vincitore. Tra gli ospiti sono attesi Eros Ramazzotti con Luis Fonsi ed Elisa. Verranno assegnati anche il Premio per il miglior testo della giuria d'onore, il premio per la miglior interpretazione, il premio della critica, il premio per la miglior composizione musicale assegnato dai professori dell'orchestra.

Gli artisti si esibiranno in questo ordine:

1. Daniele Silvestri, Argentovivo
2. Anna Tatangelo, Le nostre anime di notte
3. Ghemon, Rose viola
4. Negrita, I ragazzi stanno bene
5. Ultimo, I tuoi particolari
6. Nek, Mi farò trovare pronto
7. Loredana Bertè, Cosa ti aspetti da me
8. Francesco Renga, Aspetto che torni
9. Mahmood, Soldi
10. Ex-Otago, Solo una canzone
11. Il Volo, Musica che resta
12. Paola Turci, L'ultimo ostacolo
13. The Zen Circus, L'amore è una dittatura
14. Patty Pravo e Briga, Un po' come la vita
15. Arisa, Mi sento bene
16. Irama, La ragazza con il cuore di latta
17. Achille Lauro, Rolls Royce
18. Nino D'Angelo e Livio Cori, Un'altra luce
19. Federica Carta e Shade, Senza farlo apposta
20. Simone Cristicchi, Abbi cura di me
21. Enrico Nigiotti, Nonno Hollywood
22. Boomdabash, Per un milione
23. Einar, Parole nuove
24. Motta, Dov'è l'Italia

Il direttore artistico Claudio Baglioni apre la serata con il corpo di ballo sulle note di “E adesso la pubblicità”. “Siamo all’ultima tappa di un percorso emozionante. Si dice sempre, ma stavolta c’è stato uno scuotimento particolare e devo ringraziare questo magnifico gruppo che mi ha accompagnato, dice Baglioni. “Nel film ‘A qualcuno piace caldo’ c’è la frase ‘Nessuno è perfettatmosferelatineo’ e in effetti è così, non sai mai se hai fatto bene o male, ma vi giuro che abbiamo fatto tutto il possibile perché questo Festival restasse nel solco di quello passato. Quel che è certo è che ha vinto la musica, hanno vinto le parole, hanno vinto artisti giovani e meno giovani”.

Poi presenta Claudio Bisio e Virginia Raffaele.

In platea anche la giuria d’onore composta da Mauro Pagani, presidente di giuria, Elena Sofia Ricci, Claudia Pandolfi, Joe Bastianich, Serena Dandini, Ferzan Ozpetek, Camila Raznovich e Beppe Severgnini.

Daniele Silvesti apre la gara insieme a Rancore con il brano Argentovivo.

Poi Bisio annuncia "una giovanissima veterana che ha conosciuto questo palco quando era ancora minorenne": Anna Tantangelo, in tutto il suo splendore, canta Le nostre anime di notte. E sulle ultime note non trattiene l'emozione e le lacrime.

Il terzo artista a salire sul palco dell'Ariston è Ghemon con le sue Rose viola, con cui si mette nei panni una figura femminile.

Arrivano poi i Negrita con I ragazzi stanno bene: il loro rock è travolgente.

Ultimo, che lo scorso anno ha trionfato tra le Nuove Proposte con Il ballo delle incertezze, si mette al pianoforte per I tuoi particolari: "Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui". Un lungo applauso dal pubblico dell'Ariston.

Continua la gara Nek con l'electro-pop di Mi farò trovare pronto. Nek, che ha all'attivo 4 Festival in 25 anni di carriera, si fa trovare prontissimo.

Baglioni entra sul palco con l'ombrello. Lo raggiungono Bisio e la Raffaele per un momento di avanspettacolo con una performance di Camminando sotto la pioggia, brano di Erminio Macario, portato al successo dal Trio Lescano. E la "pioggia" arriva davvero, tutta sopra Bisio.

Si prosegue con Lo Stato Sociale che, fuori dal Teatro Ariston, intona con Renato Pozzetto E la vita, la vita, storico successo di Cochi e Renato. La band bolognese torna a Sanremo dopo il secondo posto dello scorso anno con Una vita in vacanza.

La gara si interrompe per l'arrivo del primo super ospite della serata, Eros Ramazzotti. L’artista torna all'Ariston nel 35esimo anniversario della sua vittoria con Terra Promessa nella categoria Giovani Proposte, che ha dato il via alla sua carriera.

Eros intona Vita ce n’è, brano che ha dato il titolo al suo ultimo album di inediti. Poi duetta con Baglioni sulle note di Adesso tu, brano con cui ha vinto il Festival nel 1986. Per il gran finale arriva Luis Fonsi: lui e Ramazzotti cantano insieme il singolo Per le strade una canzone e l'Ariston viene invaso da atmosfere latine.

La gara riprende con il rock di Cosa ti aspetti da me di Loredana Bertè. L'artista è scatenata, il pubblico apprezza e le dedica standing ovation e cori. Alla fine, scappa pure un bacio sulle labbra tra Baglioni e la Bertè.

È poi il turno di Francesco Renga con l'intensità di Aspetto che torni. A un certo punto, mentre canta, scende dal palco e fa alzare una donna delle prime file, un po' come ha fatto dei giorni scorsi il cantante degli Ex-Otago.

Il prossimo artista in gara è Mahmood. Per lui una falsa partenza: l'audio del microfono non funziona. L'inconveniente viene subito risolto e l'artista si scatena su Soldi.

Dopo la pubblicità, sul palco arrivano gli Ex-Otago in total white, con le atmosfere crepuscolari di Solo una canzone. Anche questa volta il cantante Maurizio scende tra il pubblico e abbraccia una donna: questa volta, è la fidanzata Martina Panarese.

Il Volo continua la gara con Musica che resta. Il trio torna in gara dopo il trionfo di Grande amore nel 2015. Sul palco con loro c'è anche il violinista Alessandro Quarta.

Bisio e Baglioni entrano in scena come se dovessero fare il lancio di una canzone, invece arriva la Raffaele che dà vita a un medley di canzoni italiane, imitando a turno le voci di Malika Ayane, Patty Pravo, Giusy Ferreri, Fiorella Mannoia e Ornella Vanoni. Standing ovation anche per lei.

La prossima artista in gara è Paola Turci: grinta e voce graffiante per L'ultimo ostacolo.

È poi il turno dell'esibizione dei The Zen Circus, al Festival con l'indie rock de L'amore è una dittatura. Sul palco tornano gli sbandieratori di Arezzo della prima serata.

La competizione continua con Un po' come la vita e con la classe di Patty Pravo e Briga.

Arriva poi il consueto "momento Famiglia Addams" con Virginia e i due Claudio, che ironizzano sulle piccole critiche ricevute da alcuni giornalisti in questi giorni.

L’altra super ospite è Elisa, che torna sul palco dove nel 2001 ha trionfato con Luce (Tramonti a Nord Est).

L’artista canta Anche fragile, il suo ultimo singolo tratto dall'album Diari aperti. Elisa, emozionatissima, incanta l’Ariston con la sua voce.

Claudio Baglioni raggiunge la cantautrice: i due rendono omaggio a Luigi Tenco duettando in Vedrai Vedrai. Il duetto è da pelle d'oca e gli applausi non finiscono più.

Si torna alla gara con Arisa che canta Mi sento bene. Qualche imprecisione: secondo indiscrezioni, l'artista ha la febbre. Il pubblico le dedica comunque un lungo applauso.

E' il momento di Irama con La ragazza con il cuore di carta: grandissimo impatto emotivo.

Poi arriva il rock and roll della Rolls Royce di Achille Lauro, questa sera senza occhiali da sole, e Boss Doms, che tiene un ciuccio in bocca: da due settimane è diventato papà della piccola Mina. Una ventata di freschezza e l'Ariston si scatena.

È il turno di Nino D'Angelo e Livio Cori, che portano sul palco Un'altra luce, la loro Napoli e sonorità R'n'B.

Il Festival continua con Senza farlo apposta dei giovani Federica Carta e Shade. È la loro seconda collaborazione, dopo quella del 2017 per la canzone Irraggiungibile ed è nata su WhatsApp.

L'artista successivo è Simone Cristicchi con la poesia di Abbi cura di me. L'atmosfera si fa rarefatta. Come di consueto, l'artista finisce la sua esibizione sui gradini davanti al palco. La platea gli dedica un lungo applauso, lui si emoziona.

Il 21esimo a esibirsi è Enrico Nigiotti con la sua Nonno Hollywood, dedicata al nonno scomparso. Sul finale si commuove e non riesce a terminare le ultime parole.

Dopo la pubblicità la garà riprende con Per un milione dei Boomdabash, che portano all'Ariston l'estate e il loro Salento.

Il penultimo artista in gara è Einar. La vittoria a Sanremo Giovani lo ha proiettato al Festival, dove canta Parole nuove.

L'ultima esibizione è quella di Motta, che ieri ha vinto la serata duetti cantando con Nada Dov'è l'Italia.

Si chiude poi il televoto per questa prima sessione. Poi, Claudio Baglioni e Virginia Raffaele si salutano alla fine di questa esperienza cantando Breve amore di Mina.

Dopo la pubblicità, Claudio Baglioni chiama sul palco i primi sei classificati di Sanremo Giovani: Einar, Mahmood, La Rua, Nyvinne, Federica Abbate, che si sono aggiudicati il Sanremo Giovani World Tour.

Baglioni, Bisio e Virginia svelano la classifica dal 24esimo posto al quarto.

4. Loredana Bertè
5. Simone Cristicchi
6. Daniele Silvestri
7. Irama
8. Arisa
9. Achille Lauro
10. Enrico Nigiotti
11. Boomdabash
12. Ghemon
13. Ex-Otago
14. Motta
15. Francesco Renga
16. Paola Turci
17. The Zen Circus
18. Federica Carta e Shade
19. Nek
20. Negrita
21. Patty Pravo con Briga
22. Anna Tatangelo
23. Einar
24. Nino D'Angelo e Livio Cori

I tre finalisti sono quindi Ultimo, Il Volo e Mahmood. Riapre il televoto.

Prima di conoscere il vincitore, arriva lo sketch comico del Mago Forest.

In attesa del podio, i due Claudio e Virginia svelano gli altri premi.

Daniele Silvestri vince il Premio della Critica Mia Martini con Argentovivo, interpretata al Festival di Sanremo insieme a Rancore. Seguono Simone Cristicchi e Loredana Bertè.

Daniele Silvestri ottiene anche il Premio della Sala Stampa Radio-Tv-Web Lucio Dalla, seguito da Loredana Bertè e da Simone Cristicchi. Quest’ultimo si porta a casa il Premio Sergio Endrigo per la migliore interpretazione.

Inoltre, il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo assegnato dalla giuria d'onore va sempre a a Daniele Silvestri. Sul palco, a ritirare il riconoscimento, salgono anche Racore e Manuel Agnelli, coautori del pezzo. Infine il premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale viene assegnato dall’orchestra del Festival a Simone Cristicchi.

I tre conduttori svelano il podio: vince il 69esimo Festival di Sanremo Mahmood con Soldi. Seguono Ultimo con I tuoi particolari e Il Volo con Musica che resta.

 


Autore:
Chiara Cipolla
09-02-2019 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO