Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece previsti cookie tecnici e di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ACCETTO
Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA CAMERANO (AN) 97.900

Le superstizioni più strane dei giocatori NBA Dall'amico immaginario di DeRozan alla bistecca di Michael Jordan 18-11-2017

Visto che abbiamo appena passato venerdì 17, parliamo di superstizioni legate al mondo NBA.

L'ultima trovata è di DeMar DeRozan, la stella di Toronto che, dopo ogni tiro libero, dà il 5 a un compagno immaginario.

Il grande basket americano è costellato di superstizioni curiose. Il leggendario Michael Jordan, forse il giocatore più forte di tutti i tempi, mangiava 4 ore prima di ogni gara una bistecca di quasi 6 etti, accompagnata da insalata e patate.

Kevin Garnett, invece, preferiva ingurgitare un panino con burro di arachidi e gelatina. Evidentemente voleva stare leggero anche lui...

Prima di scendere sul parquet, Ray Allen si radeva accuratamente la testa.

La notte precedente alle gare, Jason Terry dormiva con indosso i pantaloncini della squadra avversaria.

Per togliersi di dosso la sfortuna prima dei match, Rajon Rondo è abituato a farsi 5 docce.


Autore:
Andrea Daz
18-11-2017 © RIPRODUZIONE RISERVATA